Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziecagliariTurismoAeroporto › Inverno freddo per l´aeroporto di Cagliari
Red 9 settembre 2019
La Sogaer ha annunciato oggi il piano voli per prossima stagione. Una stagione che si presenta in calo rispetto allo stesso periodo del 2018. Bilancio positivo nei primi otto mesi di quest´anno
Inverno freddo per l´aeroporto di Cagliari


CAGLIARI - È in arrivo la “Winter season Iata 2019-2020”: da fine ottobre, nuove rotte, nuovi orari e nuove frequenze per le compagnie aeree che operano nell’aeroporto di Cagliari. Oggi (lunedì), la Sogaer ha annunciato il piano voli per prossima stagione (una stagione che si presenta in calo rispetto allo stesso periodo del 2018) e ha fatto un bilancio degli ottimi risultati conseguiti nei primi otto mesi del 2019. Saranno trentatre le destinazioni collegate da Cagliari per la prossima stagione, che partirà dall’ultima domenica di ottobre, con diciotto destinazioni nazionali e quindici internazionali. Dopo i successi riportati in termini di traffico nel corso del 2018, anno in cui il “Mario Mameli” ha visto transitare 4.355.351 passeggeri tra arrivi e partenze, lo scalo ha ulteriormente ampliato il proprio network di collegamenti, sia durante la scorsa stagione invernale, sia in quella estiva (ottanta destinazioni distribuite su ventidue Paesi e quattordici nuove rotte).

Il deciso aumento dei viaggiatori sulle rotte internazionali (+28,9percento nel periodo gennaio–agosto 2019), la grande novità rappresentata dall’apertura della base Volotea a fine maggio e la sempre più proficua collaborazione con le principali compagnie aeree europee, hanno posto le basi per un ulteriore incremento dei flussi di traffico nel 2019. Il consuntivo dei primi otto mesi parla chiaro: 3.210.583 viaggiatori in arrivo o partenza a Cagliari, ovvero +9percento in rapporto allo stesso periodo dell’anno scorso. Quest’anno, che vede ogni mese in netta crescita, ha fatto registrare tanti record. Fra questi, spicca la performance di agosto che, per la prima volta nella storia dell’aeroporto di Cagliari, raggiunge la quota di 609.843 passeggeri (+9,6percento rispetto al 2018). Il picco di traffico assoluto è stato raggiunto il 10 agosto, con 24.425 transiti, mentre la crescita del segmento internazionale ha registrato nel mese un +20,6percento. L’analisi dei dati estivi conferma il trend largamente positivo anche per giugno e luglio, che hanno fatto registrare rispettivamente 519.593 (+11,9percento) e 586.762 (+8,3percento) viaggiatori, sempre tra arrivi e partenze.

L'amministratore delegato della Sogaer Alberto Scanu ha dichiarato: «Come aeroporto, crediamo fermamente nelle potenzialità della nostra Isola come mercato turistico e perseguiamo, ormai da anni, una politica commerciale in grado di supportare la crescita della destinazione “Sardegna” nell’arco dei dodici mesi dell’anno. Siamo inoltre consci del nostro ruolo di facilitatori dello sviluppo economico locale: oggi più che mai, i collegamenti aerei efficienti e affidabili sono determinanti per il successo di molte attività di business e iniziative imprenditoriali che si basano sullo scambio e sulla rapida movimentazione di persone e merci. La collaborazione con le Istituzioni e la partnership con i principali player del settore ci consentono oggi di annunciare il network della stagione Winter’19-20, caratterizzato dall’apertura di nuove rotte, dalla crescita del ventaglio di collegamenti e frequenze disponibili offerti da Volotea (grazie alla sua nuova base nel nostro aeroporto), dal ritorno di Air Italy e dal maggiore impegno su Cagliari di easyJet e di Ryanair. È ormai chiaro a tutti che la vocazione turistica del sud Sardegna è sempre meno stagionale, così come lo sono le esigenze di mobilità dei sardi: Sogaer, la società di gestione dell’aeroporto di Cagliari, ne è ben consapevole. Confidiamo che quanto stiamo facendo per aumentare le opportunità di connessione e spostamento tra la nostra Isola e il resto d’Italia e d’Europa (indipendentemente dal fatto che si tratti di viaggiare per turismo o per lavoro) ne sia la prova tangibile», ha concluso Scanu.
Commenti
© 2000-2019 Mediatica sas