Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziesassariCronacaSanità › Il buon invecchiamento, da Sassari a Liverpool
Red 10 novembre 2019
L´Azienda ospedaliero universitaria e l´Università degli studi di Sassari sono state coinvolte in una ricerca guidata dall´Ateneo di Liverpool pubblicata da Science
Il buon invecchiamento, da Sassari a Liverpool


SASSARI – Uno studio scientifico, una sorta di “manifesto”, che illustra e propone un nuovo approccio all’invecchiamento e che ha come obiettivo l'acquisizione di conoscenze innovative che aiutino a mantenersi in salute più a lungo. E' quanto pubblicato da un gruppo internazionale di ricercatori, coordinati Stuart Calimport dell’Università di Liverpool, e che vede tra gli autori di questo lavoro scientifico anche il professor Angelo Scuteri, responsabile del Day hospital Medico centralizzato dell'Aou di Sassari e direttore della scuola di Geriatria dell’Università degli studi di Sassari.

L'Italia è uno dei Paesi con la maggiore longevità al mondo. L'invecchiamento della popolazione rappresenta un successo, poiché è segno di come molte malattie siano state combattute. Nel 2020, le persone di sessant'anni ed oltre supereranno il numero di bambini fino aicinque anni di età. Nel 2050, gli anziani nel mondo saranno 2miliardi, rispetto agli attuali 900milioni. Contemporaneamente, l'invecchiamento è una sfida per la sostenibilità economica del Servizio sanitario e per il modello di cure proposte in risposta alle comuni malattie croniche ed alla polipatologia.

«Le nostre conoscenze sull’invecchiamento nei molti organi del nostro corpo sono limitate – afferma Scuteri – ma non potranno mai aumentare se non promuoviamo un cambiamento di mentalità nella comunità scientifica dei ricercatori». Il “manifesto” pubblicato su Science ha proprio questo scopo. L’invecchiamento trova, infatti, una propria collocazione nella classificazione internazionale delle malattie (Who Icd-11) comunemente adottata dai medici. Sappiamo poco, tuttavia, su come i vari tessuti, organi ed apparati invecchiano, ne abbiamo un sistema per classificare la severità del processo di invecchiamento. Un nuovo sistema di classificazione delle malattie dovrebbe mirare ad un’accurata correlazione tra l’invecchiamento nei tessuti (intesa come atrofia, calcificazione o rimodellamento) e la presentazione clinica delle malattie, spesso molteplici nella terza età.

La classificazione del grado di invecchiamento in ciascun organo consentirà una più accurata diagnosi delle malattie legate all'invecchiamento. «Adottare questa nuova prospettiva – conclude Angelo Scuteri – aumenterà le possibilità di sviluppare nuovi farmaci che attacchino i reali processi di invecchiamento nel nostro corpo, i danni che si accumulano con il passare degli anni. I benefici per mantenersi attivi e indipendenti fino a ottanta-novant'anni potrebbero essere superiori a qualsiasi aspettativa».
Commenti
7:14
Il direttore generale dell´Azienda ospedaliero universitaria ed alcuni direttori delle strutture si vaccinano nell´ambulatorio della Direzione medica. In questi, giorni una squadra apposita avvia l´attività di catch up nei reparti. Da novembre, la campagna di comunicazione nei presidi ospedalieri aziendali
14:26
Rientrano i valori di parametro dell’acqua grezza proveniente dal bacino del Coghinas. L´acqua è di nuovo potabile nel territorio comunale. Lo ha annunciato Abbanoa al Comune
13:08
La Medicina nucleare dell´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari ha introdotto di recente la Pet Amiloide, una nuova pratica diagnostica che consente una diagnosi precoce di malattia di Alzheimer
4/12/2019
Nuovi orari di apertura al pubblico degli uffici Sau di Via degli Orti, ad Alghero: dal lunedì al giovedì, dalle 8.30 alle 12.30, il martedì ed il giovedì anche dalle 15.30 alle 17. Il venerdì mattina, resteranno chiusi al pubblico
3/12/2019 video
«Siamo anni che ci battiamo per avere un miglioramento della sanità, ma siamo anni che la situazione non migliora. Serve un servizio efficiente e maggior vigore nei confronti di Cagliari». Lo dice Roberto Ferrara, consigliere comunale del M5S e tra i promotori della petizione in favore della sanità del territorio di Alghero.
© 2000-2019 Mediatica sas