Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziesardegnaPoliticaSanità › «Nieddu si dimetta immediatamente»
Red 24 marzo 2020
«Nieddu si dimetta immediatamente»
Questa la richiesta di nove parlamentari e cinque consiglieri regionali del Movimento 5 stelle, che proseguono: «serve un commissario per l’emergenza in Sardegna»


CAGLIARI - «In Sardegna alla catena di comando che serve per gestire l’emergenza Covid-19 mancano gli anelli essenziali. Per questo occorre che l’assessore Nieddu si dimetta subito e non si occupi più del CoronaVirus, e che di concerto con l’Amministrazione regionale si nominino sia un commissario straordinario per l’emergenza in Sardegna, sia un commissario speciale ad acta per gestire l’Aou di Sassari. La battaglia va affrontata con le forze giuste». È la richiesta che avanzano i parlamentari del Movimento 5 stelle Pino Cabras, Emanuela Corda, Elvira Evangelista, Emiliano Fenu, Ettore Licheri, Alberto Manca, Nardo Marino, Mario Perantoni, Lucia Scanu, ed i consiglieri regionali Carla Cuccu, Alessandro Solinas, Michele Ciusa, Desirè Manca e Roberto Li Gioi. In una lunga nota pubblicata nelle loro pagine Facebook, i quattrodici affermano che «in Sardegna, dove ancora deve arrivare l’ondata epidemica più violenta del CoronaVirus, la gestione dell’emergenza da parte dei decisori politici in loco è fra le più preoccupanti».

«I cinesi non hanno esitato ad esautorare le autorità di Wuhan e dell’Hubei, agli inizi del loro principale focolaio. Eppure non registravano un numero di operatori sanitari infetti da CoronaVirus altrettanto sproporzionato quanto in Sardegna nella fase iniziale della progressione infettiva: gran parte dei nuovi contagi da noi è avvenuta all’interno dei presidi ospedalieri, un record che segnala un’anomalia acutissima», e le osservazioni che i pentastellati rivolgono alla Giunta Solinas sono incalzanti: «Nell’Isola del “tutto sotto controllo”, cosa ha fatto l’Assessorato regionale della Sanità tra il 21 febbraio (il primo caso a Codogno, in Lombardia) e l’8 marzo (con il DpCm che ci ha fatto stare tutti a casa)? Era davvero tutto a posto, come diceva?». Ed ancora: «I sindaci sardi dichiarano di essere stati lasciati soli: dal nord al sud dell’Isola, i primi cittadini denunciano gravi carenze nelle comunicazioni da parte dell’Ats in merito alla positività dei propri concittadini al virus». Per gli esponenti del M5s, «A questo si aggiunge l’imbarazzante caso dei test rapidi per scoprire la positività al virus, che l’assessore Nieddu ha confermato di aver ordinato alla società Tema ricerca srl, prenotazione che in realtà non sarebbe mai arrivata, secondo quanto spiegato dalla nota della legale rappresentante dell’azienda di Bologna».

Sotto accusa anche la comunicazione: «Arrivano dai medici fortissime proteste verso il bavaglio imposto al personale sanitario dall’Assessorato regionale rispetto ai loro contatti con i giornalisti. Alla propria catena di disastri comunicativi, cui dovrebbe rimediare con una squadra di esperti di comunicazione nelle catastrofi, l’Amministrazione regionale rimedia invece con la censura. Ma i cittadini hanno il diritto di essere informati su quanto accade all’interno degli ospedali sardi. Serve trasparenza». Infine, una domanda cruciale: «A che punto siamo con l’apertura di nuovi posti letto prevista dal Piano di emergenza regionale?». Per il Movimento, «Il sistema sanitario ereditato dai tempi sonnolenti delle “normali” spartizioni fra partiti deve cedere il passo a un sistema che non ammette più distrazioni, né opacità, ora che la salute è in gioco nel modo più drammatico. Con questa epidemia bastano pochi giorni di ritardo e si rischia di pagare errori e indecisioni con un rapidissimo aumento del prezzo peggiore, quello in vite umane. Occorre agire subito. Per questo occorre che l’assessore Nieddu si faccia da parte e che, di concerto con l’Amministrazione regionale, si nominino sia un commissario straordinario per l’emergenza in Sardegna, sia un commissario speciale ad acta per gestire l’Aou di Sassari».

Nella foto: l'assessore regionale Mario Nieddu
Commenti
13:45
Dopo il trasferimento dei due respiratori da Alghero a Nuoro la polemica travolge l´assessorato regionale alla Sanità ma anche il Primo cittadino non è indenne. «Non possiamo accettarlo più. Ci dicano chiaramente se dobbiamo fare da soli oppure no» dice il capogruppo dei Riformatori Sardi ad Alghero
11:31
Tre gli organi prelevati l´altra notte nel Blocco operatorio del Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato. «Una giornata di speranza in un periodo difficile per tutti», sottolinea il direttore generale dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari Giorgio Sorrentino
13:00
Dalla giornata di lunedì trasferito il mezzo a servizio del soccorso aereo dalla base di Alghero a Berchidda, in Gallura. Si tratterebbe di una scelta legata a differenti esigenze logistiche
8:40
Dal reparto di Terapia intensiva di Alghero le due attrezzature questa mattina saranno portate a Nuoro dove oggi c´è più necessità. La polemica a questo punto travolge l´assessorato regionale alla Sanità
10:00
Questa la denuncia contenuta nella missiva del segretario Territoriale Cisl Fp Antonio Monni, ed indirizzata al nuovo commissario dell´Aou di Sassari, G.M. Moro
10:25
Durissima la consigliera regionale Pentastellata, Carla Cuccu: «Nell´imprevista pandemia non vorremmo che si verificasse un golpe sanitario realizzando ciò che in regime ordinario non sarebbe stato possibile»
8:26
Il sindaco di Porto Torres ha disposto nuove misure di contrasto alla diffusione del Covid-19: i dispositivi di protezione dovranno essere indossati negli esercizi commerciali e negli uffici pubblici
10:36
Così il segretario algherese del Partito dei Sardi, Gavino Tanchis. «Confidiamo che anche per la richiesta di rendere obbligatori i Dpi ci possa essere un repentino cambio di rotta»
21:28
«La pandemia, quando passerà, ci dovrà aver insegnato molto e soprattutto chiederà a chi governa concretezza e non parole. Vigileremo perché il piano della rete ospedaliera venga attuato», sottolineano i consiglieri comunali di Centrosinistra Mario Bruno, Valdo Di Nolfo, Ornella Piras, Raimondo Cacciotto, Pietro Sartore, Gabriella Esposito e Mimmo Pirisi, che comunicano come «vanno altrove i respiratori arrivati per Alghero dalla Protezione civile nazionale. Uno scandalo»
5/4/2020
Il dato ufficiale aggiornato al 4 aprile colloca nel Sassarese il 66,95 per cento dei positivi di tutta la Sardegna. Alghero, Olbia e Porto Torres tra le 8 città con più di 20 casi. Ancora pochi i test eseguiti e manca la distribuzione territoriale. Ecco i dati
6/4/2020
Confermati i positivi, poco più di 20. Dopo settimane di tira e molla, censure e polemiche più o meno infuocate anche il sindaco di Alghero rompe gli indugi, convoca la stampa e snocciola un po di dati sull'andamento epidemiologico. Poco meno di mille i controlli della Polizia locale e quasi nessuna sanzione
6/4/2020
Cambia la strategia regionale: Apertura reparti di Terapia Intensiva ad Alghero e Ozieri anche per pazienti Covid-19. L´annuncio da parte del presidente del Consiglio regionale della Sardegna, l´algherese Michele Pais
5/4/2020
A sostegno dei pazienti sottoposti a terapia dialitica cronica prende posizione il gruppo Progressisti in Consiglio regionale, con un´interrogazione che vede Antonio Piu come primo firmatario
5/4/2020
Coronavirus, ancora controlli e denunce della Polizia locale di Sassari. Ieri due delle tre sanzioni elevate dalla Polizia locale durante i 117 controlli compiuti hanno riguardato persone che sono state fermate mentre andavano in coppia a fare la spesa
5/4/2020
La gestione dell´emergenza Covid-19 ad Alghero e il mancato accreditamento del reparto di Terapia intensiva dell´ospedale Civile (a differenza di quanto avvenuto per altre strutture) oggetto di un dettagliato accesso civico nelle mani della Procura di Cagliari
4/4/2020
Diecimila kit per i test del Covid-19 sono arrivati questa mattina al porto di Cagliari per essere destinati ai laboratori del sistema sanitario regionale impegnati nella lotta contro l´epidemia
4/4/2020
Un cittadino di Alghero si rivolge così a Mario Conoci: «mi sembra non abbia correttamente il senso del civismo che lo deve guidare (dal cives romano), nonchè il rispetto per le intelligenze altrui». Esplode la polemica intorno ai dati censurati sull´epidemiologia ad Alghero


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)