Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziealgheroCulturaManifestazioni800, partenza col botto ad Alghero
Cor 14 dicembre 2019 video
800, partenza col botto ad Alghero
La conferenza a Casa Manno è stata seguitissima e ha suscitato grande interesse. Un tuffo nella storia attraverso le lettere inedite scritte da Efisio Manno


ALGHERO - “L’800” apre la terza edizione al museo Casa Manno, ancora una volta, nel cuore del centro storico algherese. Un tuffo nella storia attraverso le lettere inedite scritte da Efisio Manno, canonico alla cattedrale di Alghero al fratello Giuseppe Manno, storico intellettuale, alto magistrato, presidente della corte di cassazione e presidente del senato. L’Associazione “Itinerari nel tempo”, che ha dato i natali alla manifestazione “l’800”, ha voluto aprire la tre giorni di eventi con questo importante momento culturale, dedicato ad una figura molto cara agli algheresi.

Nella sala conferenze del museo, dopo i saluti del presidente Andrea Sini, l’introduzione storica del padrone di casa il direttore Mauro Porcu, e la lettura di due manoscritti inediti di Efisio Manno ad opera della compagnia teatrale El Telò, è iniziata la presentazione dello studio delle lettere di Efisio Manno. La grafologa Elisa Peddis, ha raccontato il lavoro a quattro mani eseguito insieme al dott. Porcu, sulle lettere dei fratelli Manno, approfondendo da un lato quelle che sono le caratteristiche della calligrafia nell’800 e le sue evoluzioni, dall’altro ha incuriosito il pubblico con alcune notizie inedite che raccontano uno spaccato della vita quotidiana ad Alghero negli anni a cavallo di metà secolo. Si tratta di lettere private, una nel 1859 e un’altra nel 1864, quando Giuseppe Manno si trovava a Torino e il fratello Efisio, ad Alghero.

Queste lettere svelano il legame che esisteva tra i fratelli, ma dall’altro fornisce l’ accesso a notizie molto importanti del momento storico in cui essi hanno vissuto. Si fa infatti riferimento a diversi personaggi agheresi, la cui nomea era stata tramandata negli anni: il vescovo Arduino che esercitò tra il 1843 e il 1863 e la vedova Piccinelli. «E’ stato un bel lavoro di traduzione- spiega la dottoressa Peddis- che da un lato si riferisce alla calligrafia, dall’altro tratta invece un lavoro essenzialmente grafologico, dal quale trapelano le attitudini, le caratteristiche del soggetto scrivente. Una chiave di lettura originale che vuole far luce sul significato intrinseco della lettera ma anche i significati nascosti che sono raccontati dalla scrittura».

«Queste lettere- sottolinea invece il direttore del museo Mauro Porcu- conservano il lato umano dei fratelli Manno, e ci restituiscono spaccati di vita molto interessanti, alcuni davvero inediti. Grazie a questo lavoro possiamo fare in modo che alcune vicende della storia algherese non restino custodite in una teca polverosa ma vengano raccontate, attualizzate e conosciute da tutti». Gli eventi proseguono con i figuranti in abito storico, ballerini della scuola 8cento di Bologna) che sfileranno per le vie cittadine partendo da piazza Sulis.
Commenti



Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)