Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziecagliariPoliticaSanitàCovid-19, infermieri uniti: così non va
Red 23 marzo 2020
Covid-19, infermieri uniti: così non va
Prosegue la querelle tra mondo politico e lavoratori del settore sanitario. Ecco la dichiarazione congiunta del presidente degli Ordini delle professioni infermieristiche di Cagliari Pierpaolo Pateri, di Sassari Piero Bulla, di Oristano Raffaele Secci e di Nuoro Roberto Sogos


CAGLIARI - «No, così non va. Non è accettabile che si pretenda dalla componente infermieristica disponibilità, abnegazione, silenzio e poi si venga attaccati e tacciati di essere preoccupati rispetto a proposte lavorative quantomeno discutibili, e tra l’altro considerati irresponsabili (perché sostenere che il contagio non sia avvenuto nell’assistenza diretta significa considerare di fatto un professionista irresponsabile nella sua condotta). È di poche ore fa la notizia di un reclutamento di figure mediche da parte della Protezione civile, con un trattamento ben diverso da quello proposto alla parte infermieristica. Non è certamente questo il momento di innescare o alimentare battaglie di nessun tipo, ma come professionisti ci sentiamo ancora una volta vilipesi da chi ha il dovere di riconoscere il sacrificio e la professionalità messa in campo al servizio dell’intera comunità. Il merito non lo si riconosce solo con una pacca sulla spalla e tantomeno lo pretendiamo con l’essere definiti “eroi”, tanto più oggi dove si prende atto della proposta fatta ad un’altra categoria sanitaria, paragonata alla cifra una tantum (100euro) prevista per gli infermieri in servizio nel mese di marzo». Inizia così la dichiarazione congiunta del presidente degli Ordini delle professioni infermieristiche di Cagliari Pierpaolo Pateri, di Sassari Piero Bulla, di Oristano Raffaele Secci e di Nuoro Roberto Sogos.

«Forse è aumentato il rischio o il bisogno di una sola categoria? Forse è più elevato il rischio in una categoria piuttosto di un’altra? Ancora oggi in questa situazione dobbiamo accettare passivamente di essere discriminati in questo modo? O forse chi ha la barra del timone per condurre la barca, in questo momento, dove tutti indistintamente siamo dentro, ha per un attimo dimenticato che esistiamo o, peggio ancora, non vuole consapevolmente rendersene conto? Come infermieri abbiamo sempre sostenuto che nell’immediato l’unico pensiero fosse l’emergenza Covid-19 e ne siamo ancora convinti: ma non permettiamo che ci si tratti da servi silenziosi. A livello regionale si è più volte manifestata la disponibilità alla collaborazione nel coordinamento della attività delle professioni infermieristiche. Non è arrivata nessuna risposta. Quello che sta avvenendo - sottolineano Pateri, Bulla, Seccin e Sogos - è sotto gli occhi di tutti: i pazienti che necessitano di assistenza sono sotto la responsabilità diretta dell’infermiere (e questo lo sostiene la norma), ma soprattutto a dimostrazione che la stessa professione va gestita e coordinata da infermieri che negli anni hanno sviluppato competenze e formazione per farlo».

«Ripetiamo, in questa fase non ci si aspettava ringraziamenti ma quantomeno considerazione, e mai attacchi gratuiti su questa o quella preoccupazione. Poter pensare che un qualsiasi professionista possa mettersi a disposizione essendo considerato come l’ultimo dei sacrificabili denota poca conoscenza rispetto alle responsabilità e dei rischi a cui è esposto, ma soprattutto al suo percorso formativo che lo porta ad essere professionista della salute intellettuale e, rimarchiamo, responsabile dell’assistenza infermieristica. Già, parliamo di rischi – spiegano i quattro presidenti dell'Opi - gli infermieri si dice, sono preoccupati. Certo che sì, come tutti del resto, ma con una differenza: forse perché non sono messi nella condizione di prestare assistenza nella condizioni di sicurezza dovute e previste? Forse perché la poca informazione genera disinformazione e incertezza?».

«Chi non vive le situazioni odierne nelle varie realtà regionali non può avere la percezione dei pensieri di chi giornalmente deve comunque prendersi cura dei “suoi” pazienti, consapevole di non essere messo nelle condizioni di poterlo fare nel miglior modo possibile e in completa sicurezza. Con nessun intento polemico ma sempre con atteggiamento collaborativo (lo dobbiamo ai cittadini e a noi stessi come professionisti), continuiamo a sostenere che si stanno cercando delle soluzioni con gli stessi strumenti con cui si son creati i problemi. Per concludere, e anche questo lo dobbiamo come rappresentanti di Ordine ai nostri iscritti: garantiamo che passata la fase critica ci sarà molto da discutere sui modi con cui si è affrontata l’emergenza. Ai colleghi un abbraccio virtuale, ai cittadini l’appello consueto ma mai cosi importante: aiutateci ad aiutarvi, state a casa», concludono Pierpaolo Pateri, di Sassari Piero Bulla, di Oristano Raffaele Secci e di Nuoro Roberto Sogos.
Commenti
13:45
Dopo il trasferimento dei due respiratori da Alghero a Nuoro la polemica travolge l´assessorato regionale alla Sanità ma anche il Primo cittadino non è indenne. «Non possiamo accettarlo più. Ci dicano chiaramente se dobbiamo fare da soli oppure no» dice il capogruppo dei Riformatori Sardi ad Alghero
11:31
Tre gli organi prelevati l´altra notte nel Blocco operatorio del Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato. «Una giornata di speranza in un periodo difficile per tutti», sottolinea il direttore generale dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari Giorgio Sorrentino
13:00
Dalla giornata di lunedì trasferito il mezzo a servizio del soccorso aereo dalla base di Alghero a Berchidda, in Gallura. Si tratterebbe di una scelta legata a differenti esigenze logistiche
15:29
Forza Italia ad Alghero rompe il silenzio e sprona pubblicamente il sindaco: «Non è più accettabile il folle gioco dell’oca che si sta facendo in relazione al Reparto di Terapia Intensiva già pronto ma che attende di essere reso operativo»
8:40
Dal reparto di Terapia intensiva di Alghero le due attrezzature questa mattina saranno portate a Nuoro dove oggi c´è più necessità. La polemica a questo punto travolge l´assessorato regionale alla Sanità
10:00
Questa la denuncia contenuta nella missiva del segretario Territoriale Cisl Fp Antonio Monni, ed indirizzata al nuovo commissario dell´Aou di Sassari, G.M. Moro
10:25
Durissima la consigliera regionale Pentastellata, Carla Cuccu: «Nell´imprevista pandemia non vorremmo che si verificasse un golpe sanitario realizzando ciò che in regime ordinario non sarebbe stato possibile»
8:26
Il sindaco di Porto Torres ha disposto nuove misure di contrasto alla diffusione del Covid-19: i dispositivi di protezione dovranno essere indossati negli esercizi commerciali e negli uffici pubblici
10:36
Così il segretario algherese del Partito dei Sardi, Gavino Tanchis. «Confidiamo che anche per la richiesta di rendere obbligatori i Dpi ci possa essere un repentino cambio di rotta»
21:28
«La pandemia, quando passerà, ci dovrà aver insegnato molto e soprattutto chiederà a chi governa concretezza e non parole. Vigileremo perché il piano della rete ospedaliera venga attuato», sottolineano i consiglieri comunali di Centrosinistra Mario Bruno, Valdo Di Nolfo, Ornella Piras, Raimondo Cacciotto, Pietro Sartore, Gabriella Esposito e Mimmo Pirisi, che comunicano come «vanno altrove i respiratori arrivati per Alghero dalla Protezione civile nazionale. Uno scandalo»
5/4/2020
Il dato ufficiale aggiornato al 4 aprile colloca nel Sassarese il 66,95 per cento dei positivi di tutta la Sardegna. Alghero, Olbia e Porto Torres tra le 8 città con più di 20 casi. Ancora pochi i test eseguiti e manca la distribuzione territoriale. Ecco i dati
6/4/2020
Confermati i positivi, poco più di 20. Dopo settimane di tira e molla, censure e polemiche più o meno infuocate anche il sindaco di Alghero rompe gli indugi, convoca la stampa e snocciola un po di dati sull'andamento epidemiologico. Poco meno di mille i controlli della Polizia locale e quasi nessuna sanzione
6/4/2020
Cambia la strategia regionale: Apertura reparti di Terapia Intensiva ad Alghero e Ozieri anche per pazienti Covid-19. L´annuncio da parte del presidente del Consiglio regionale della Sardegna, l´algherese Michele Pais
5/4/2020
A sostegno dei pazienti sottoposti a terapia dialitica cronica prende posizione il gruppo Progressisti in Consiglio regionale, con un´interrogazione che vede Antonio Piu come primo firmatario
5/4/2020
La gestione dell´emergenza Covid-19 ad Alghero e il mancato accreditamento del reparto di Terapia intensiva dell´ospedale Civile (a differenza di quanto avvenuto per altre strutture) oggetto di un dettagliato accesso civico nelle mani della Procura di Cagliari


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)