Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziesardegnaOpinioniSanitàStrutture e operatori sanitari sotto attacco
Antonio Monni 20 marzo 2020
L'opinione di Antonio Monni
Strutture e operatori sanitari sotto attacco


Lo abbiamo detto e ribadito in tempi non sospetti, se non si prendono provvedimenti straordinari ed urgentissimi per proteggere le strutture ospedaliere cittadine e territoriali (pubbliche e private) e tutti gli operatori che ci lavorano, compresi i pazienti, non solo aumenteranno i contagi, ma nel breve periodo potrebbe non essere più garantita l’assistenza e le cure all’utenza. Sentiamo polemiche ed accuse del tipo “se qualcuno ha sbagliato, è giusto che paghi, o meglio pagherà”, bene, come non essere d’accordo, tuttavia però va detta una cosa, nonostante i numerosi appelli e segnalazioni, le misure che nel frattempo si stanno adottando a tutti i livelli appaiono solo di tipo difensivo, tradotto: si interviene solo in seguito ai contagi.

Sulla prevenzione e il contenimento purtroppo la catena di comando è lenta ed inefficace, regione Sardegna ed Aziende sanitarie sono scoordinate, le unità di crisi a vari livelli appaiono in forte difficoltà, per cui abbiamo chiesto in più occasioni di rinforzare le cabine di regia con soggetti e/o organismi esperti di organizzazioni complesse, coinvolgendo prefetture e protezione civile. Si continua ad affermare che i DPI sono sufficienti, ma nel frattempo riceviamo una marea di segnalazioni da parte dei colleghi del pubblico e del privato che lamentano la penuria di mascherine e altri dispositivi, non è un caso infatti che i numeri dimostrano il triste primato del nord Sardegna con circa 134 casi, la cui diffusione appare inarrestabile con circa 60 casi positivi nelle ultime giornate, il 70% dei totali sono tutti sanitari. Se le cose continuano così, nei prossimi giorni si rischia il collasso del sistema.

Per cui i tamponi devono essere eseguiti rapidamente a tutto il personale che mette piede in ospedale e nelle strutture territoriali (sanitario, tecnico, di supporto e delle cooperative/ditte di appalto) con la massima priorità, almeno per quantificare l’incidenza dei contagi. Contestualmente, al fine di contenere il diffondersi dell’epidemia, è necessario che, in forza ai decreti ministeriali, le autorità competenti individuino e/o requisiscano strutture abitative di tipo alberghiero dove ospitare il personale risultato positivo e potenzialmente esposto al contagio, così da evitare quanto possibile qualsiasi contatto sociale e di tipo familiare che potrebbero amplificare i numeri dei contagi. Riconvertire anche strutture e/o spazi ospedalieri dedicati ai pazienti “Covid-19” che non necessitano di assistenza sub-intensiva ed intensiva.

A questo proposito servono misure urgenti anche di carattere organizzativo, in termini di potenziamento di personale ed una migliore distribuzione dello stesso. Non è più accettabile che i colleghi delle rianimazioni e soprattutto delle malattie infettive siano costretti ad osservare turni di lavoro di 12 ore ed in condizioni lavorative proibitive, poiché per entrare in queste unità operative è necessario essere bardati dalla testa ai piedi, tutte precauzioni che limitano questi lavoratori nel dissetarsi e mangiare qualcosa, limitazioni che pregiudicano anche i bisogni fisiologici.

Ultimo aspetto, ma non ultimo, i pazienti. Anche per loro (sia essi covid-19 oppure no) bisognerebbe trovare delle modalità di supporto e sostegno in considerazione del fatto che non possono ricevere visite dei familiari. E' necessario attenzionare alle fragilità con le quali il paziente è costretto a convivere, poiché oltre la malattia c'è anche il disagio di non poter ricevere le visite in corsia. In tutto questo infine, c’è bisogno di partecipazione e maggiore raccordo tra le Direzioni aziendali di tutte le strutture e chi rappresenta il mondo del lavoro, ossia le organizzazioni sindacali, a tal fine per veicolare le informazioni e tutte le iniziative e/o misure necessarie per combattere con capacità e consapevolezza questo momento davvero difficile.

*Segretario Territoriale Cisl Fp Sassari
Commenti
29/3/2020
Nosocomio nuorese sempre in prima linea contro il virus. «Un’arma in più per combattere la diffusione del virus in Sardegna», commenta il consigliere regionale della Lega Pierluigi Saiu, presidente della commissione Autonomia e riforme
22:16
E´ il commento del primo cittadino di Illorai Titino Cau, che a proposito della decisione di ieri annunciata dal premier Giuseppe Conte prosegue: «4,3miliardi da Roma? E´ una presa in giro nei confronti dei Comuni e dei nostri cittadini in difficoltà»
19:06
Le postazioni di supporto sono state allestite dalla Protezione civile. «Tutte le nostre forze in campo per i cittadini», dichiara il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas
17:56
Questa mattina, si è tenuta una riunione che ha visto la partecipazione del sindaco di Alghero Mario Conoci, del presidente del Consiglio regionale Michele Pais, del primario Salvatore Pala, dell´ex primario del Reparto di Anestesia Giuseppe Liperi, e del personale e della coordinatrice infermieristica del reparto di Anestesia
12:21
Non va già al consigliere regionale del Partito sardo d’azione Gianfranco Lancioni la sforbiciata ai fondi per i poli che offrono l’assistenza alle persone svantaggiate
17:13
Non eravamo eroi prima e non lo siamo, adesso che si è diffusa questa maledetta pandemia. Siamo, semplicemente, donne e uomini di buona volontà che, con abnegazione, cercando di dare il meglio di noi stessi, abbiamo, sempre, garantito la salute di tutti e, continueremo a farlo, senza badare ad orari, non sottraendoci ai rischi che, quotidianamente corriamo esercitando questa meravigliosa professione
21:04
«Alla Regione, all’assessore Nieddu e al consigliere del territorio Michele Pais diciamo che non ci accontentiamo di una apertura provvisoria e emergenziale», dichiarano gli esponenti del Centrosinistra algherese Mario Bruno, Gabriella Esposito, Raimondo Cacciotto, Ornella Piras, Valdo Di Nolfo, Mimmo Pirisi e Pietro Sartore
11:26
«Le carenze del sistema sanitario nell´Isola di San Pietro non sono più tollerabili. La Regione intervenga subito», dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 stelle
29/3/2020
Il partito chiede al presidente della Regione autonoma della Sardegna ed a tutti i sindaci dell´Isola maggior attenzione in questo momento di emergenza sanitaria, che si sta trasformando in emergenza sociale
29/3/2020
«I maddalenini figli di un Dio minore? Non c´è più tempo, la Regione risponda», chiede il consigliere regionale del Movimento 5 stelle, che punta l´attenzione sul nosocomio de La Maddalena
28/3/2020 video
A Porto Torres i casi di cittadini positivi sono sei. Altre 16 persone in quarantena obbligatoria. «Oggi è arrivato il documento ufficiale con i dati relativi a Porto Torres. In totale contiamo sei casi accertati di positività al Covid-19. Altre sedici persone che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia sono sottoposte al regime di quarantena»
29/3/2020
«A distanza di quasi un mese da quando è esplosa anche in Sardegna l’emergenza sanitaria legata al Covid-19, negli ospedali e nelle Aziende sanitarie sarde vengono date agli operatori disposizioni errate, fuorvianti e totalmente contrarie al buon senso», dichiara la deputata del Movimento 5 stelle Mara Lapia
29/3/2020
I consiglieri regionali del Partito democratico, primo firmatario il capogruppo Gianfranco Ganau, chiedono alla Regione autonoma della Sardegna di intervenire con urgenza sulla modifica dei requisiti per le prestazioni di riabilitazione globale territoriale, per le prestazioni assistenziali a persone con disabilità fisica, psichica e sensoriale, e sulla ridefinizione delle tariffe
28/3/2020
Lo assicura il sindaco di Alghero, Mario Conoci. «Le nostre pressanti richieste iniziano a dare i primi frutti, dai sindaci della Sardegna è arrivato un contributo importante all´accordo che sarà definito e reso noto a livello nazionale»
28/3/2020 video
Il consigliere comunale del Gruppo X Alghero Pietro Sartore, a nome di tutto il Centrosinistra cittadino ribadisce la necessità che la Regione autonoma della Sardegna fornisca i dati precisi sull'andamento dell´epidemia di Covid-19 Comune per Comune e, in particolare, viene richiesto che vengano resi noti i dati relativi ad Alghero
28/3/2020
Per spiegare la situazione e non allarmare familiari e concittadini sassaresi, la Direzione della struttura di Via Piandanna 4 ha dichiarato che al manifestarsi dei primi sintomi, gli ospiti sono stati isolati, seguendo le linee guida regionali
9:37
«L´assessore non sapeva? Nieddu si dimetta per il bene dei sardi», chiedono i portavoce nazionali del Movimento 5 stelle Alberto Manca, Ettore Licheri, Paola Deiana, Mario Perantoni, Nardo Marino, Pino Cabras, Lucia Scanu, Luciano Cadeddu, Elvira Evangelista, Emiliano Fenu ed Emanuela Corda
28/3/2020
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Christian Solinas annuncia le 586 assunzioni straordinarie di personale sanitario in Sardegna, tra infermieri (il 47percento del totale), medici e specializzandi (il 16 e l’8percento), oss, tecnici di laboratorio ed altre figure (il restante 29percento)
28/3/2020
Sarà operativo dalla giornata odierna - sabato 28 marzo - dalle ore 8 alle 20 il numero verde dedicato a tutti i sindaci sardi per comunicare con la struttura di emergenza al coronavirus
28/3/2020
Sono stati attivati dall´Azienda ospedaliero universitaria di Sassari servizi sia dalla Struttura di Psicologia ospedaliera, sia dall’Unità operativa Psichiatrica
18:25
Articolo aggiornato in tempo reale con l'evolversi dei contagi da CoronaVirus in Sardegna. Dei malati, 113 sono ricoverati in ospedale, 485 in isolamento domiciliare, 28 decessi. In totale, nella regione sono stati eseguiti circa 5mila test.


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)