Skin ADV
Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter
Nuoro NewsnotiziealgheroOpinioniSanitàSegnali schizofrenici da dilettanti della politica
Giovanni Baldassarre Spano 25 marzo 2020
L'opinione di Giovanni Baldassarre Spano
Segnali schizofrenici da dilettanti della politica


Dopo la precedente nota con la quale il gruppo Uniti contro la chiusura dell’Ospedale Marino, esponeva la propria vicinanza alle vittime, ai contagiati e agli operatori in campo, per scelta opportuna ci si sottraeva dal commentare la ridda di polemiche presenti nel panorama politico. Tuttavia riteniamo che per il nostro ruolo nella difesa della sanità pubblica, non si possa non intervenire alla luce delle recenti esternazioni della politica regionale. In un marasma organizzativo che sta mostrando i tragici punti critici nel contrasto alla diffusione del Covid-19 e in un contesto ove migliaia di persone in campo nella nostra Isola non risparmiano energie, a scapito della loro stessa sicurezza, le massime espressioni della politica regionale, ossatura dell’attuale Maggioranza, intervengono pubblicamente con la stessa Presidenza della Giunta, al fine di consentire agli hobbisti dell’agricoltura di poter essere annoverati tra i soggetti autorizzati agli spostamenti giornalieri nel territorio. Questa causa viene perorata con determinazione, sostenendo che si tratta di una vera e propria necessità di sostentamento per tantissime comunità, specie dell’interno.

Fino ad oggi e a seguito di tali interventi, si ignorava che la Sardegna del 2020 risultasse ruralizzata a tal punto e dipendente dall’autoproduzione quanto quella medievale. Riteniamo infatti che non siano realistici gli scenari proposti di un’Isola costretta ad una futura carestia biblica se le operazioni non professionali venissero differite almeno sino al 3 aprile venturo. Un’analisi degna di una politica con ruoli di comando non avrebbe ignorato i pericoli connessi all’estensione dell’allargamento delle cosiddette necessità. Un numero maggiore di veicoli in movimento, per finalità non essenziali, rappresenta statisticamente un innalzamento del rischio di sinistri stradali, con possibili traumatizzati, che andrebbero a gravare sul sistema sanitario già sotto pressione. Inoltre, l’attività agricola non professionale presenta una percentuale di rischio che può per il numero degli hobbisti rappresentare un fattore critico sia per chi subisce infortuni, non potendo accedere con serenità alle cure ospedaliere, sia per i nosocomi isolani recettori dei pazienti. Ci chiediamo se sia stato fatto un calcolo dei soggetti che sarebbero quindi coinvolti da tale beneficio oppure come possano essere verificate le giustificazioni fornite per gli spostamenti. Questo produrrebbe inoltre un ulteriore aggravio per gli operatori delle Forze dell’ordine in campo, impossibilitati a dissuadere le contravvenzioni delle disposizioni dei dpCm.

Gli stessi organi ministeriali nelle Faq avevano precisato che l’attività agricola possibile sarebbe stata quella professionale e del bracciante. Questo viene accettato in tante altre regioni italiane che annoverano anche maggiori superfici coltivate rispetto alla nostra, ma la Sardegna ha un’altra percezione delle priorità. In un momento dove tantissime attività rischiano di fallire o avere delle perdite inimmaginabili a seguito della chiusura, scopriamo che la priorità è l’orto fai da te. Molti hanno equivocato anche il fatto che la coltivazione in proprio fosse sospesa per tutti, quando invece era pacifico che fosse permessa a chi già si trovava ad abitare in loco. L’unica necessità indifferibile sino al 3 aprile è quella dell’allevamento ad uso familiare di animali o l’accudimento di altri di affezione collocati nei propri fondi, ma non di più. Il pensiero va a quelle persone che stanno vivendo attimi di angoscia o correndo il serio pericolo di non riabbracciare i propri cari, ma la triste realtà è che rappresentano una sparuta minoranza elettoralmente inconsistente, rispetto agli hobbisti della zappa.

Ci si domanda se a certi livelli della politica regionale si facciano effettivamente questi calcoli, poiché se non è ancora chiaro tale concessione darebbe il “liberi tutti” ad un numero elevato di persone, vista la notevole quantità di soggetti con fondi agricoli. Ci si domanda inoltre perché non concedere lo stesso beneficio a tutti i pescatori amatoriali e anche a quelli abusivi o ai raccoglitori di erbe selvatiche commestibili, infondo tutti lo fanno per loro sostentamento. La gestione politica di questa crisi sta rappresentando le pagine più infime della storia della Sardegna, scritte da mani incapaci. Tanti sindaci in tutta Italia ed in Sardegna stanno difendendo le loro comunità in prima linea, mentre questi dilettanti della politica o del demagogico consenso stanno dando segnali contrastanti e schizofrenici. Ci si domanda con forza, come si possa pensare di richiedere l’intervento dell’Esercito se parallelamente gli si vuol rendere più gravoso il compito con l’aumento dei soggetti in circolazione? È l’ora di scelte coraggiose e della seria valutazione delle priorità, non della cura del proprio “orticello” elettorale. Il sacrificio è di tutti, tutti compresi senza eccezioni, ma forse le bare sfilate a Bergamo non hanno scosso il nostro atavico egoismo.

* membro Psd'Az Alghero
Commenti
13:45
Dopo il trasferimento dei due respiratori da Alghero a Nuoro la polemica travolge l´assessorato regionale alla Sanità ma anche il Primo cittadino non è indenne. «Non possiamo accettarlo più. Ci dicano chiaramente se dobbiamo fare da soli oppure no» dice il capogruppo dei Riformatori Sardi ad Alghero
11:31
Tre gli organi prelevati l´altra notte nel Blocco operatorio del Policlinico “Duilio Casula” di Monserrato. «Una giornata di speranza in un periodo difficile per tutti», sottolinea il direttore generale dell’Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari Giorgio Sorrentino
13:00
Dalla giornata di lunedì trasferito il mezzo a servizio del soccorso aereo dalla base di Alghero a Berchidda, in Gallura. Si tratterebbe di una scelta legata a differenti esigenze logistiche
8:40
Dal reparto di Terapia intensiva di Alghero le due attrezzature questa mattina saranno portate a Nuoro dove oggi c´è più necessità. La polemica a questo punto travolge l´assessorato regionale alla Sanità
10:00
Questa la denuncia contenuta nella missiva del segretario Territoriale Cisl Fp Antonio Monni, ed indirizzata al nuovo commissario dell´Aou di Sassari, G.M. Moro
10:25
Durissima la consigliera regionale Pentastellata, Carla Cuccu: «Nell´imprevista pandemia non vorremmo che si verificasse un golpe sanitario realizzando ciò che in regime ordinario non sarebbe stato possibile»
8:26
Il sindaco di Porto Torres ha disposto nuove misure di contrasto alla diffusione del Covid-19: i dispositivi di protezione dovranno essere indossati negli esercizi commerciali e negli uffici pubblici
10:36
Così il segretario algherese del Partito dei Sardi, Gavino Tanchis. «Confidiamo che anche per la richiesta di rendere obbligatori i Dpi ci possa essere un repentino cambio di rotta»
21:28
«La pandemia, quando passerà, ci dovrà aver insegnato molto e soprattutto chiederà a chi governa concretezza e non parole. Vigileremo perché il piano della rete ospedaliera venga attuato», sottolineano i consiglieri comunali di Centrosinistra Mario Bruno, Valdo Di Nolfo, Ornella Piras, Raimondo Cacciotto, Pietro Sartore, Gabriella Esposito e Mimmo Pirisi, che comunicano come «vanno altrove i respiratori arrivati per Alghero dalla Protezione civile nazionale. Uno scandalo»
5/4/2020
Il dato ufficiale aggiornato al 4 aprile colloca nel Sassarese il 66,95 per cento dei positivi di tutta la Sardegna. Alghero, Olbia e Porto Torres tra le 8 città con più di 20 casi. Ancora pochi i test eseguiti e manca la distribuzione territoriale. Ecco i dati
6/4/2020
Confermati i positivi, poco più di 20. Dopo settimane di tira e molla, censure e polemiche più o meno infuocate anche il sindaco di Alghero rompe gli indugi, convoca la stampa e snocciola un po di dati sull'andamento epidemiologico. Poco meno di mille i controlli della Polizia locale e quasi nessuna sanzione
6/4/2020
Cambia la strategia regionale: Apertura reparti di Terapia Intensiva ad Alghero e Ozieri anche per pazienti Covid-19. L´annuncio da parte del presidente del Consiglio regionale della Sardegna, l´algherese Michele Pais
5/4/2020
A sostegno dei pazienti sottoposti a terapia dialitica cronica prende posizione il gruppo Progressisti in Consiglio regionale, con un´interrogazione che vede Antonio Piu come primo firmatario
5/4/2020
Coronavirus, ancora controlli e denunce della Polizia locale di Sassari. Ieri due delle tre sanzioni elevate dalla Polizia locale durante i 117 controlli compiuti hanno riguardato persone che sono state fermate mentre andavano in coppia a fare la spesa
5/4/2020
La gestione dell´emergenza Covid-19 ad Alghero e il mancato accreditamento del reparto di Terapia intensiva dell´ospedale Civile (a differenza di quanto avvenuto per altre strutture) oggetto di un dettagliato accesso civico nelle mani della Procura di Cagliari
4/4/2020
Diecimila kit per i test del Covid-19 sono arrivati questa mattina al porto di Cagliari per essere destinati ai laboratori del sistema sanitario regionale impegnati nella lotta contro l´epidemia
4/4/2020
Un cittadino di Alghero si rivolge così a Mario Conoci: «mi sembra non abbia correttamente il senso del civismo che lo deve guidare (dal cives romano), nonchè il rispetto per le intelligenze altrui». Esplode la polemica intorno ai dati censurati sull´epidemiologia ad Alghero


Hosting provider Aruba S.p.A. Via San Clemente, 53 - 24036 Ponte San Pietro (BG) P.IVA 01573850516 - C.F. 04552920482

© 2000-2020 Mediatica SRL - Alghero (SS)